Il Programma di COTRACOOP finanziato ai sensi del Regolamento (UE) 611/2014, di durata triennale, è finalizzato alla promozione e al rafforzamento di una politica di filiera che mantenga e valorizzi la qualità ottenibile dalla produzione olivicola pugliese.

Il comparto olivicolo è un settore chiave dell’agricoltura pugliese rappresentando il 14,2% del valore complessivo della produzione agricola pugliese ed il 20% del valore della produzione olivicola italiana (ISTAT, 2011). L’olivicoltura pugliese rappresenta, in termini di superficie olivetata, il 32% del totale nazionale e, in termini di produzione di olive e di olio di oliva, rispettivamente, il 35% e il 34% del totale nazionale (ISTAT, 2011).

L’olivicoltura pugliese si caratterizza per la presenza di una grande eterogeneità rispetto alle aree olivicole e alle tipologie aziendali: alla zona del Barese contraddistinta da varietà di pregio di elevata qualità si contrappongono le produzioni dell’area salentina, in cui risulta più oneroso produrre oli di qualità.

La redditività risulta molto differente da zona a zona e da azienda ad azienda, raggiungendo valori minimi nelle tipologie aziendali di dimensioni contenuta operanti in aree marginali, mentre è massima per le aziende baresi.

Gli olivi secolari, elementi peculiari e caratterizzanti il paesaggio, rappresentano tuttavia una criticità in termini di produttività, a causa della loro rigidità strutturale e dei vincoli normativi ad esse legati.

È in tale contesto che s’inseriscono le azioni previste dal Programma di COTRACOOP finalizzate a:

  • sostenere la formazione e la comunicazione della qualità sia presso i produttori che i consumatori.
  • favorire l’introduzione e la diffusione tra i produttori, di tecniche e pratiche di produzione e di difesa ecocompatibili;
  • introdurre mezzi e pratiche di raccolta innovativi che consentono di aumentare la qualità delle olive raccolte;
  • sensibilizzare i produttori sull’introduzione e la diffusione di macchine e attrezzature che consentono di migliorare la qualità dell’olio prodotto lungo tutte le fasi della filiera;
  • valorizzare i residui della lavorazione delle olive attraverso la produzione del nocciolino di sansa;
  • aumentare la competitività della filiera, con particolare riferimento alla fase di produzione e trasformazione,
  • promuovere l’integrazione delle diverse componenti della filiera in modo da valorizzare la qualità ottenibile dalla produzione olivicola regionale.

Tali obiettivi specifici rispondono a quello più generale di contribuire alla creazione e sviluppo di una filiera olivicola basata su un modello produttivo orientato all’alta qualità e alla sostenibilità, sia dal punto di vista ambientale che socio-economico.

Il Programma di COTRACOOP è inoltre coerente con le 6 priorità strategiche della PAC 2014-2020 che sono alla base della programmazione dei Programmi di Sviluppo Rurale e che sono immediatamente trasferibili al settore olivicolo pugliese.

Il Programma di COTRACOOP sarà realizzato presso le aziende agricole e di trasformazione associate della Puglia e dislocate, più specificatamente, nelle province di Lecce e Barletta-Andria-Trani.